logo1

Csi Piemonte: ''aprire ai privati significa salvare il consorzio''

vconotizie

"Il processo di apertura al mercato continua a rappresentare l'unica strada per noi praticabile per garantire un futuro al Csi Piemonte. Dopo quarant'anni dalla sua istituzione, il Consorzio si muove in un contesto che definire radicalmente diverso è appena eufemistico. Sono necessari investimenti in innovazione, risorse fresche di cui gli enti pubblici non hanno più disponibilità.

Riconoscere questa esigenza significa agire politicamente in modo responsabile, proprio a tutela delle tante professionalità esistenti. Ovviamente se ci fosse qualche altra idea praticabile o eventuali proposte di rilancio alternative da parte degli altri soci siamo ben disponibili a valutarle insieme".


E' quanto dichiara l'assessore alle Attività produttive, Giuseppina De Santis, che intervenendo stamani all'assemblea del Csi Piemonte, ha sottolineato l'apprezzamento della Regione per il lavoro svolto in questo mandato dal consiglio di amministrazione della società, impegnato a costruire una possibile soluzione industriale attraverso un confronto continuo con i soci.


«Ringraziamo il cda per quanto fatto fino ad oggi e, nel massimo rispetto di ogni interpretazione normativa non vincolante, riteniamo che l'ingresso degli operatori privati per svolgere le attività di tipo strumentale sia la formula migliore per rafforzare il Csi e garantirgli un futuro. Non esistono certamente soluzioni facili a problemi complessi. Quello che noi come Regione possiamo oggi continuare a garantire è innanzitutto il volume degli affidamenti per i prossimi 18 mesi, naturalmente nel rispetto delle norme sulla congruità degli affidamenti in house. Da qui ripartiamo e, ragionando insieme agli altri soci per un nuovo modello di valorizzazione industriale, confidiamo nella conferma di impegni analoghi per garantire efficacemente al Csi Piemonte il ruolo di regia del sistema dell'ict piemontese».

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa