logo1

Alba: il “Tartufo dell’anno 2016” a Bebe Vio, campionessa paralimpica di fioretto individuale

vconotizie

Comunicato Stampa - Il “Tartufo dell’anno 2016” andrà alla campionessa paralimpica e mondiale in carica di fioretto individuale Bebe Vio. La schermitrice italiana, medaglia d’oro a soli 19 anni nei Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro 2016, ritirerà il premio il 19 dicembre prossimo ad Alba.

Luogo ed orario sono ancora da definire. Lo annunciano il Sindaco di Alba Maurizio Marello, l’Assessore comunale al Turismo Fabio Tripaldi ed il Presidente dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba Liliana Allena.

«Per la prima volta – dichiarano il Sindaco Maurizio Marello e l’Assessore al Turismo Fabio Tripaldi - il “Tartufo dell’anno” è assegnato ad una giovanissima campionessa sportiva. Bebe Vio è il più giovane “Tartufo dell’Anno” della storia di questo riconoscimento conferito nel tempo, nell’ambito della Fiera internazionale del Tartufo bianco d’Alba, a divi e personaggi dello spettacolo, della cultura e della politica. Dopo aver premiato, lo scorso anno, un grande medico come il professor Mauro Salizzoni, luminare dei trapianti di fegato, quest'anno si vuole riconoscere la testimonianza di vita della Vio, campionessa amata dai giovani per la sua forza e la sua determinazione».

«Consegniamo con orgoglio il “Tartufo dell’anno” a Beatrice Vio, campionessa della scherma e della vita - sottolinea il Presidente dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba Liliana Allena - Il suo fulgido esempio, umano e sportivo, la sua caparbietà e la sua gioia, sono per noi un prezioso invito alla speranza. Beatrice è una icona dello sport italiano e un modello per moltissimi giovani: un vero “gioiello” del nostro Paese a cui assegniamo con riconoscenza il gioiello della natura, il Tartufo Bianco d’Alba, con l’augurio che continui a trionfare sulle pedane di tutto il mondo».

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa