logo1

Stop all'impianto a mercurio alla Hydrochem di Pieve

Cessata la produzione di cloro in riva al Marmazza. Da oggi ha cessato di funzionare il vecchio impianto

pieve ext hydrochem

 

Stop alla produzione di cloro all’Hydrochem di Pieve Vergonte. Come previsto il vecchio impianto a mercurio ha cessato di funzionare oggi, dopo che anche la commissione europea per l’ambiente aveva negato ulteriori proroghe al funzionamento dell’impianto a celle di mercurio. Nella conferenza dei servizi, tenutasi a inizio novembre, l’azienda chimica ha ribadito la volontà a realizzare il nuovo impianto che deve sostituire quello vecchio, confermando al tempo stesso la volontà a puntare sul sito ossolano che oggi dà lavoro a 110 persone.

 

La diffida arrivata dall’Unione Europea aveva alimentato seri dubbi sul futuro del sito chimico, anche se a dire il vero Hydrochem ha sempre manifestato la volontà a mantenere le produzioni nel sito industriale che sorge sulle rive del torrente Marmazza.

A fine novembre, all’Unione Industriale di Verbania, sindacati e azienda hanno siglato l’accordo per il ricorso alla cassa integrazione per una trentina di lavoratori. Un provvedimento a rotazione che riguarderà gli anni 2018 e 2019. Un punto importante l’hanno definito i sindacati, avendo ottenuto garanzie anche su eventuali future discussioni in caso di esuberi, se ce ne sarà necessità. Il 18 dicembre la ‘cassa integrazione’’ sarà firmata in Regione. Intanto le organizzazioni sindacali attendono ancora di avere dagli enti locali la data per l’incontro istituzionale che avevano chiesto.

 

Renato Balducci

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa