logo1

Ieri a Villadossola l'ultimo concerto del Coro Andolla

La sua formazione era ridotta a 18 elementi, proseguire era diventato difficile

villadossola coroandolla

 

Era nato nel 1954 come espressione culturale del Cai di Villadossola, sotto la guida di Luciano Rolandini. Ora, dopo 64 anni, il Coro Andolla chiude i battenti. L’addio di uno fra i più prestigiosi cori nazionali arriva con il tradizionale concerto di inizio anno, che la formazione ossolana aveva in calendario da sempre, per augurare buon anno a tutti ma anche augurarsi un futuro roseo. Il primo gennaio 2018 segna l’addio del Coro che ha vissuto in simbiosi con Franco Pallotta, che dal 1979 lo dirigeva ma soprattutto lo alimentava culturalmente parlando. Un addio che segna la cultura del Verbano Cusio Ossola. E questa non è retorica. La chiusura del Coro è un inciso negativo in una provincia e una regione che faticano a capire che la cultura non sono solo i teatri. Il concerto di lunedì è stato l’ultimo. Diversi sono accorsi ad ascoltare il repertorio, prevalentemente cameristico, che spazia anche dal Canto Gregoriano alla polifonia rinascimentale e contemporanea. Il Coro lascia oltre 1000 concerti in molte città europee, ma soprattutto momenti condivisi con artisti di fama mondiale. Non è un caso che nel 2005 tenne, con il Polifonico di Varzo, un concerto in onore del Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, in occasione della sua visita nella Provincia del Verbano Cusio Ossola.

Dicevamo che il coro era Franco Pallotta, anima e cuore della formazione. E possiamo ora captare i sentimenti di quest’uomo che ha dedicato la vita alla sua corale. Il sipario cala, amaramente, dopo 64 anni di attività con questa ultima apparizione nella chiesa di San Bartolomeo. ‘’Meglio finire in buona forma che aspettare che fossero altri a dirci di smettere’’ ha detto Franco Pallotta, che oltre ad aver fatto la storia del coro ha fatto la storia delle corali di questa terra prolifica. La sua formazione era ormai ridotta a 18 elementi e proseguire era diventato difficile, Villadossola, già povera per altro, perde ora una ''istituzione''.

 

di Renato Balducci

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa