logo1

Le nuove norme sui fitofarmaci rischiano di creare problemi ai comuni

 
 
La segnalazione arriva dal sindaco di Gravellona Toce Gianni Morandi
 
 
bosco sentiero
Le nuove norme in vigore circa l’uso di fitofarmaci, compresi i diserbi chimici in aree urbane, rischiano di creare problemi, di costi e non solo, ai comuni. Ne è convinto il sindaco di Gravellona Gianni Morandi, che parla anche da esperto del settore.
<Emerge chiaramente- spiega  Morandi- come diventi restrittiva la normativa vigente rispetto alle possibilità di utilizzo in ambito urbano di molti diserbanti che erano abitualmente  utilizzati. Viene posta particolare attenzione per quanto riguarda l’utilizzo in ambienti urbani, con esplicito riferimento alle misure per la riduzione dei rischi nelle aree frequentate dalla popolazione o da gruppi vulnerabili; il riferimento è volto alla gestione della flora infestante e l’utilizzo dei prodotti fitosanitari ad azione fungicida o insetticida in queste aree.La normativa stabilisce che in ambiente urbano, le autorità locali competenti, sia che intendano affidare la gestione del verde mediante gara o eseguire in proprio i lavori, devono predisporre un piano per la gestione della flora infestante (diserbi o altre azioni) che individui  le aree dove il mezzo chimico è vietato e  le aree dove il mezzo chimico può essere usato esclusivamente all’interno di un approccio integrato con mezzi non chimici e di una programmazione pluriennale degli interventi. In particolare sono da osservare e applicare le regole che dicono che nelle zone frequentate dalla popolazione (parchi e giardini pubblici, campi sportivi, aree ricreative, cortili e aree verdi all’interno dei plessi scolastici, parchi giochi per bambini, superfici in prossimità di strutture sanitarie) i trattamenti diserbanti sono vietati e sostituiti con metodi alternativi>.
Ma cosa cambia ad esempio per i comuni?<E’ stato stimato-spiega Morandi che l’impossibilità ad utilizzare mezzi chimici, in particolare su marciapiedi e piazze pavimentate con autobloccanti o altre pavimentazioni dotate di fughe fra i diversi elementi, impone un numero maggiore di operazioni manuali e meccaniche con notevole aumento di costi. Noi ad esempio stiamo definendo la mappatura del territorio di Gravellona al fine di individuare le aree dove l’uso del diserbo chimico rimarrà vietato e le aree dove, attraverso la predisposizione di un idoneo Piano di Lotta Integrata, saranno possibili interventi in deroga> conclude Morandi.
 
di Daniele Piovera 
 
Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa