logo1

Fa discutere il possibile abbattimento delle piante di via Rosmini a Domodossola

 

Dovranno essere tagliati anche alcuni grandi alberi al Calvario danneggiati dal forte vento dei giorni scorsi

domo piante viarosmini

Fa discutere il possibile taglio delle piante di via Rosmini a Domodossola. Le perizie fatte effettuare dall'amministrazione comunale hanno evidenziato 10 piante con tronco cavo e quindi pericolose, più altre 5 comunque non in buone condizioni. Da qui la proposta di tagliarle tutte per una riqualificazione complessiva dell'area. Ma questa operazione non è imminente, e neppure certa. L'assessore domese al verde pubblico Franco Falciola spiega che verrà effettuata anche una verifica strumentale sulle piante in esame, per avere un ulteriore passaggio tecnico. Le perizie precedenti sono state basate su un controllo visivo ed un'analisi esterna. La nuova analisi darà importanti indicazioni sullo stato effettivo di consistenza e di possibile durata degli alberi.

<Se dovessimo mai tagliarle avvieremo un progetto per la riqualificazione dell'area, porteremo in uno dei prossimi consigli comunali una delibera su cosa fare> ha spiegato Falciola, precisando: <Non c'è la volontà di abbatterle, lo faremo se necessario>.

Le minoranze consigliari – il Pd ma anche il Movimento 5 Stelle e Gianluigi Bottaro della Lista Cattrini - criticano proprio il taglio in mancanza di un progetto. <L'amministrazione Cattrini aveva un progetto su quell'area, si riprenda in mano quello> dice il consigliere democratico Davide Bolognini; lo stesso critica la scelta di portare la questione in consiglio comunale, parla di un regolamento del verde che consente al sindaco di decidere attraverso ordinanza, <Che il primo cittadino si assuma le proprie responsabilità> conclude.

L'ordinanza del sindaco dovrà con ogni probabilità essere emessa invece per alcuni grandi alberi del Belvedere e dell'area archeologica del Calvario. La richiesta è arrivata dall'Ente di gestione dei sacri monti, <Supportata dalla perizia tecnica del loro agronomo> precisa Falciola. Si tratta di piante che già versavano in cattive condizioni, il forte vento tra il 18 e il 19 aprile ha ulteriormente peggiorato la situazione, diventata irreparabile. Gli alberi che dovrebbero essere tagliati sono un ippocastano di 28 metri, di una quercia di 17 metri, due pini di oltre 30 metri e un cedro dell'atlante di 21 metri.  

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa