logo1

Un centinaio di firme a difesa del Ferrini-Franzosini e solidarietà al preside

Documento di personale docente e non, alunni e genitori dopo la presa di posizione dei rappresentanti degli studenti sull' 'assemblea negata'

verbania lettera ferrini

Un documento con un centinaio di firme in calce, e la raccolta di sottoscrizioni è ancora aperta. E' la risposta di insegnanti, personale non docente, genitori e studenti dell'Istituto Ferrini Fransozini che prendono le distanze da quella che definiscono una campagna diffamatoria che ha investito la scuola e la sua dirigenza. Il riferimento è al comunicato stampa dei rappresentanti degli studenti Mattia Nobili, Alessio Formoso e Matteo Marangoni che parla di spazio negato per l'assemblea su diritti civili per le coppie omosessuali. Il dirigente scolastico aveva già chiarito: nessuna negazione ma la presenza di un soggetto esterno in assemblea richiede di prassi l'autorizzazione del consiglio d'istituto e questo necessita di tempo.

Nel documento si parla di una presidenza dell'istituto che è stata oggetto di strumentali critiche <valutata l’inconsistenza delle tesi tendenti a descrivere il nostro Istituto come poco propenso a favorire dibattiti ed ogni iniziativa atta ad agevolare la libera circolazione delle idee> scrivono, ricordano che da sempre l’istituto promuove il dibattito e il confronto fra idee e posizioni differenti e che numerose sono state le occasioni in cui gli studenti hanno organizzato e partecipato a questi incontri, a cui hanno presenziato autorevoli relatori esterni all’istituto.

Giudicano come un “ultimatum” la richiesta fatta al preside di fare “un passo indietro” e i sottoscrittori del documento <non accettano in nessun modo che il buon nome e oltre sessant’anni di storia educativa e professionale dell’Istituto Ferrini - Franzosini vengano infangate con calunnie gratuite ed infondate e che si discrediti la tradizione di un Istituto che si è sempre distinto per il suo essere al servizio di studenti, famiglie e territorio>.

Alla luce di tutto ciò non escludono, qualora continuasse questa campagna diffamatoria dicono, di intraprendere ogni iniziativa volta a tutelare l’Istituto e contestualmente esprimono solidarietà al proprio capo d' istituto.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa