logo1

Focus: Il CISS Ossola come il Titanic ... e l'orchestra suona

ciss ossola

Si facciano pure tutte le guerre sante centrosinistra contro centrodestra ma si garantisca il futuro al Ciss Ossola

Sono ormai settimane che si sta battagliando senza sosta sul Consorzio servizi sociali dell'Ossola, che sembra il Titanic che va incontro all'iceberg mentre l'orchestra suona tranquillamente. Si prosegue muso contro muso senza preoccuparsi che tra 17 giorni il Ciss potrebbe chiudere perché sono in scadenza le convenzioni con i Comuni dell'Ossola.

Il Ciss è il consorzio che gestisce l'assistenza alle persone più bisognose e noi ci permettiamo un richiamo ai politici. Si facciano pure tutte le guerre sante centrosinistra contro centrodestra, ma si garantisca il futuro al Ciss Ossola, visto poi che lo studio di fattibilità sull'unificazione dei tre Ciss provinciali, che abbiamo letto attentamente, non è del tutto positivo sulla nascita immediata di un consorzio unico.

La riflessione va fatta dopo le dimissioni di Nadia Tomola che ha ritenuto di non poter continuare il suo lavoro al Ciss sotto la spada di Damocle degli attacchi.

Ci troviamo con il centrodestra che ha in Pizzi un rompighiaccio che segue la sua rotta senza temere ostacoli, ma rischia di isolare sempre di più Domodossola e mettere all'angolo il centrodestra.

Ne è utile al centrosinistra restare fermo sul piedistallo di chi ha vinto una temporanea battaglia - l'elezione del cda - ma in situazione di non dialogo con un comune come Domodossola, che è importante non solo per il Consorzio servizi sociali.

Si mettano da parte gli interessi di questa o quella fazione e si guardi in po' all'Ossola, che appare spaccatissima, quasi balcanizzata, sui temi più importanti che la dovrebbero rilanciare.

 

di Renato Balducci

Pin It

GUARDA LA TV LIVE (2)

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa