logo1

Juve Domo, i suoi numeri

juvedomo alicese 05

Alla vigilia del match che potrebbe anche regalare la promozione in D alla Juve Domo, analizziamo il rendimento della squadra di Lucio Brando in questo pazzo campionato di Eccellenza

Impressionante in tutti i sensi la corsa della Juve Domo.

Scatenata all’andata, con 40 punti in 17 gare: 13 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte (Alpignano e Pont Donnaz), 44 gol fatti e appena 14 subìti (+30).

Col freno tirato nel ritorno, con 22 punti in 15 gare: 6 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte (Alicese, Trino, Orizzonti, Borgaro e Borgovercelli), 28 gol fatti e 25 subìti (+3). Quello dei granata rimane comunque il miglior attacco del girone (72 fatti) ma per gli stessi ossolani si tratta soltanto della 7a difesa (39 subìti). Tra i marcatori spiccano le 28 segnature di Poi (con molti rigori, e ancor più punizioni da fuori, un cecchino mirabile !) e 14 con Hado.

 

Sono, a 180’ dalla fine, da un lato buone statistiche, dall’altro poco esaltanti: 7 sconfitte in 32 giornate sono tante, nessuna squadra sinora da quando é nata l’Eccellenza ha mai vinto il campionato con tante battute d’arresto. Di recente le cose sono andate così: nel 2010 il Saint Christophe con 17 squadre perse 4 volte, poi nel 2011 con 18 squadre il Gozzano perse 4 volte, con 16 squadre nel 2012 il Verbania ne perse 5 e nel 2013 il Borgomanero ne perse 4, quindi, col torneo a 18 squadre, nel 2014 la Pro Settimo ne perse 2 (e il Bellinzago che fu secondo ne perse 3...), nel 2015 il Gozzano fece 90 punti e ne perse 2, infine la Virtus Verbania la scorsa stagione ne perse 5.

Dunque molte responsabilità, del tutto involontarie, le hanno i cosiddetti inseguitori che non hanno a loro volta brillato molto, perdendo nel girone di ritorno e a più riprese l’occasione della completa rimonta. Prendiamo il Borgaro (ora a -3), probabilmente la sola squadra che davvero desideri salire di categoria tra le inseguitrici: ha viaggiato più o meno allo stesso ritmo sia all’andata che nel ritorno. Infatti nella parte ascendente in 17 gare ha ottenuto 8 vittorie, 6 pareggi e 3 sconfitte (Settimo, Borgovercelli e Juve Domo): punti 30, a -10 dalla vetta ossolana. Nel ritorno (con 15 gare sinora) ha incamerato 9 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte (Rivarolese, Aygreville, Alpignano): altri 30 punti, sia pure con 2 match in meno, che lo posizionano a -3 dalla vetta tutta ossolana. E per inciso il suo miglior marcatore, Pierobon, ha segnato appena 13 reti.

 

Ed eccoci alle ultime due giornate: Pont Donnaz-Juventus Domo (all’andata vinsero i valligiani con rete di Montari) e Trino-Borgaro (andata 0-0).

Si chiude con Juve Domo-Cerano (4-0 all’andata) e Borgaro-Baveno (3-1 all’andata).

La trasferta in val d’Aosta sarà verosimilmente decisiva. Ricordiamo che il Trino é in zona playoff e che il Cerano lotta per non retrocedere. E magari anche che il Pont Donnaz, tranquillissimo, ha fatto 23 punti all’andata, e altri 22 nel ritorno. 

ROBERTO COMINOLI

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa