logo1

Cyber bullismo: primo ammonimento del Questore del VCO

Si tratta del terzo provvedimento in Italia dall'applicazione della nuova legge

 
 

polizia auto01

 
 
Vittima dei bulli su internet si rivolge alla Polizia e scatta l’ammonimento del Questore, il terzo in Italia. La notizia è emersa dopo la presentazione ieri del patentino per lo smartphone, che vede coinvolte le scuole del territorio, la Polizia di Stato e l’Asl alla luce della nuova legge sul cyberbullismo. Il riserbo è massimo, dato che si tratta di minori coinvolti che devono essere protetti. L’adolescente, preso di mira sui social network, ha chiesto aiuto alla Polizia. A questo punto, il cyber bullo è stato raggiunto dall’ammonimento, già previsto per i casi ad esempio di stalking. E’ una sorta di richiamo ufficiale, che dovrebbe permettere a chi sta mettendo in atto il comportamento sbagliato di riflettere e fermarsi. Nel caso di ragazzini spesso molto giovani l’ammonimento ha lo scopo di evitare conseguenze penali. La Questura del Vco è stata la terza in Italia ad applicare la nuova legge.
Il testo, che ha avuto come prima firmataria la senatrice novarese Elena Ferrara, in memoria di Carolina Picchio, la ragazza che si è tolta la vita dopo essere stata presa di mira in internet, prevede, tra le diverse iniziative di educazione e prevenzione, la possibilità dell’ammonimento del Questore. Il messaggio che arriva dalla Polizia di Stato è di non aver paura a chiedere aiuto.
 
di Maria Elisa Gualandris
 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa