logo1

Ieri sera messa e processione per la patronale di Domodossola

Ieri sera momento molto sentito a Domodossola, con la messa nella chiesa parrocchiale e con la successiva processione per le vie. Da Don Vincenzo Barone appello per la tutela del lavoro e per la salvaguardia della fede

domodossola chiesa

 

E’ da sempre uno dei momenti più sentiti e partecipati della patronale di Domodossola, ed anche ieri sera è stato così. Una grande folla di fedeli ha partecipato alla santa messa nella chiesa parrocchiale dei Santi Patroni Gervaso e Protaso, con successiva processione con le statue lungo le vie cittadine, con l’accompagnamento della banda, dei gruppi degli alpini, delle varie associazioni, delle donne in costume delle valli dell’Ossola, dalle confraternite di San Carlo e del Santissimo sacramento. Un momento sempre toccante, di condivisione e spirito di comunità, con la benedizione alla città impartita da don Vincenzo Barone dal balcone del municipio: il corteo poi è tornato in Collegiata per il bacio alle reliquie dei santi.

Il parroco di Domodossola, nell’omelia, ha invece parlato di lavoro e della necessità della riscoperta della fede autentica. Don Vincenzo ha voluto esternare la vicinenza sua e di tutta la parrocchia ai lavoratori ed alle lavoratrici di Mercatone Uno in difficoltà ed a tutte le persone che non hanno un posto fisso: il vicario territoriale dell’Ossola ha ringraziato politici e sindacati che si stanno adoperando per risolvere queste spiacevoli situazioni. Dal pulpito poi un appello a riscoprire la fede, quella vera, spesso stanca e fragile, minata dal materialismo e dal relativismo etico, ma da preservare, con coerenza, rettitudine e senza vergogna nel nome di Cristo, del Vangelo e del crocifisso. Nel corso della celebrazione è stata assegnata una onoreficenza alle sorelle Giuseppina e Mariuccia Variana per il loro impegno nelle attività parrocchiali

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa