logo1

Finisce a querele la campagna elettorale pre ballottaggio a Verbania

E’ l’esito del clima rovente degli ultimi giorni con fuoco incrociato di post su Facebook
 
 
 facebook pc
 
 
Finisce a querele la campagna elettorale pre ballottaggio a Verbania. E’ l’esito del clima rovente degli ultimi giorni con fuoco incrociato di post su Facebook. E oggi il candidato sindaco Giandomenico Albertella ha pubblicato un post sul proprio profilo: “In considerazione dei molteplici atti denigratori che si stanno concretizzando in questi ultimi giorni sui social (Facebook, WhatsApp) e che ritengo gravemente lesivi della dignità e dell'immagine mia e di chi mi sta affiancando in questa campagna elettorale, informo di aver dato mandato ai miei legali di agire nelle sedi giudiziali opportune per la tutela della mia e della nostra immagine. Quando in una campagna elettore si esce dal confronto sui programmi per trasferire il dibattito sul piano della denigrazione dell'avversario occorre intervenire e tutelarsi”.
 
Non è mancato il commento con la risposta di Patrich Rabaini, di Comunità.Vb, apparentato con l’altra candidata sindaco, Silvia Marchionini: “condivido pienamente la Tua posizione. La denigrazione personale è quanto di peggio si possa leggere in una campagna elettorale. Anche io, come hai fatto Tu, ho ritenuto di dovermi tutelare dalle affermazioni denigratorie di due dei Tuoi più stretti collaboratori i quali hanno pubblicamente insinuato che la mia lista Comunità.vb sia un centro di potere affaristico”. Segue la pubblicazione dei post “incriminati” scritti da Enrico Montani e Marco Zacchera. E lo stesso Montani, sempre a mezzo Facebook comunica di voler comunicare due persone sempre per diffamazione. 
 
di Maria Elisa Gualandris
Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa