logo1

Caso Crapanzano." Progetto Vco " chiede a Lincio di interrompere la consulenza

 

Il gruppo del Pd chiede al presidente di riferire nell'assemblea dei sindaci convocata domani alle 18 in Provincia 

provincia pd

 

Si è parlato in consiglio provinciale della vicenda che vede coinvolto l’ex giudice di pace Carlo Crapanzano, indagato con altri dalla Procura di Milano per corruzione giudiziaria. Dal momento che l’avvocato Crapanzano è consulente legale della Provincia, i consiglieri del Partito Democratico chiedono al presidente Arturo Lincio di interrompere la consulenza. “Abbiamo ascoltato con assoluto rispetto le parole del Presidente Lincio in consiglio provinciale riguardanti le recenti notizie di cronaca giudiziaria che hanno visto protagonista l’Avvocato Crapanzano - scrivono in una nota i democratici -.

 

Non ci appartiene la cultura giustizialista di cui è imbevuta ormai la dialettica politica italiana e tanto meno siamo tra quelli che fanno politica attraverso attacchi personali.  

Ciononostante crediamo sia quanto meno opportuno che il Presidente Lincio riferisca, come da lui annunciato, di fronte alla prossima assemblea dei Sindaci, che si terrà giovedì 23 maggio, circa la decisione che intenderà prendere”. E aggiungono: “Crediamo nella presunzione di innocenza e speriamo che l’avvocato Crapanzano possa chiarire nelle sedi opportune la sua posizione.

Ma, allo stesso tempo, per tutelare l’ente Provincia e anche lo stesso avvocato Crapanzano, riteniamo che in questa fase la cosa migliore per tutti sia che la Provincia sospenda formalmente la collaborazione in atto fino a nuovi avvenimenti. 

Questa è la posizione che il nostro gruppo rappresenterà di fronte all’assemblea dei Sindaci e al prossimo consiglio Provinciale”.

Replica Lincio: “Come ho già detto in consiglio, incontrerò l’avvocato Crapanzano appena potrà e poi riferirò le decisioni in consiglio”.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa