logo1

Provincia VCO: approvato il rendiconto finanziario 2018

Il documento verrà votato in seconda istanza giovedì 23 maggio dall’assemblea dei sindaci, convocata per le 18 presso il Tecnoparco

consiglio provinciale

 

Approvato il rendiconto finanziario 2018 della Provincia nel corso dell’ultimo consiglio. Astenuta la minoranza, composta dai quattro componenti della lista “Progetto Vco”. Il documento verrà votato in seconda istanza giovedì 23 maggio dall’assemblea dei sindaci, convocata per le 18 presso il Tecnoparco. Successivamente, il consiglio provinciale lo ratificherà e così verrà definitivamente approvato. L’ente ha concluso il 2018 con un risultato di amministrazione definitivo negativo per una cifra pari a 20 milioni e 649mila euro, che sarebbero stati quasi 30 milioni se non fosse stato concluso positivamente l’accordo transattivo con la regione Piemonte. Dopo l’ok dato al rendiconto 2018 dovrà seguire, nelle prossime settimane, un’ulteriore modifica del piano di riequilibrio finanziario pluriennale, già rimodulato nel dicembre 2017. Il piano, infatti, servirà a colmare la somma di 5 milioni e 800mila euro, che non trova adeguata copertura né tramite il prelievo coattivo delle imposte di RCAuto e IPT né dal disavanzo da riaccertamento straordinario. Tramite un ottimo lavoro degli uffici, inoltre, sono stati cancellati 10 milioni di residui attivi e altrettanti di residui passivi. Gli stessi uffici sono al lavoro per redigere il bilancio di previsione 2019, che potrà essere strutturato dopo l’approvazione ad inizio maggio del consiglio provinciale dell’accordo transattivo con la Regione.

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Ultime news

Sabato, 07 Dicembre 2019
Acceso l'albero di Natale a Pallanza
Sabato, 07 Dicembre 2019
Ottimo l'avvio di stagione sugli sci
Sabato, 07 Dicembre 2019
Droga: un arresto e una denuncia
Sabato, 07 Dicembre 2019
Sfere: i Presepi sull'acqua di Crodo

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa