logo1

Elezioni, sfida a tre a Castelletto Ticino

Massimo Stilo, Massimilano Ferrario e Marco Trinchera i pretendenti la carica di sindaco

castelletto municipio

 

Tre candidati per una poltrona di sindaco anche a Castelletto Ticino. Dopo due mandati consecutivi lascia Matteo Besozzi, già presidente pure della Provincia di Novara, che non può ricandidarsi. Al suo posto lancia il suo vice Massimo Stilo. Ritorna in corsa pure Massimiliano Ferrario, Lega. Il terzo sfidante è Marco Trinchera. Il paese, con i suoi 10 mila abitanti, è il più grande centro al voto amministrativo nell’Aronese. Massimo Stilo, attuale vicesindaco, si è sempre distinto per la sua disponibilità e la presenza per gestire la cosa pubblica. Ovviamente nella sua lista annovera tra i candidati a consigliere proprio Besozzi, non è confermato però che possa svolgere il ruolo di vicesindaco. Certamente si vuol attendere l’esito delle urne. Il programma è di continuità nel portare a compimento i progetti della Giunta uscente. La lista “Per Castelletto” è ideologicamente di centro sinistra, coalizione che si è sempre presentata molto compatta nel borgo ticinese. Massimiliano Ferrario, tecnico comunale e attuale presidente della Pro Loco, guida il gruppo di “Castelletto è Tua”, si identifica nel movimento della Lega di cui è sempre stato un fervente esponente. Ad appoggiare Ferrario c’è pure la lista “Noi per Castelletto” di Giorgio Pierucci, che, in caso di vittoria, potrebbe occupare il ruolo di vicesindaco. Marco Trinchera, avvocato, è il candidato a sindaco di “Castelletto che Cambia”.  E’ Giuseppe Cuda che, nel caso di vittoria, occuperebbe il ruolo di vicesindaco. Trinchera afferma di voler mettere a disposizione della cittadina l’esperienza e la professionalità sua e dei suoi candidati a consigliere.

 

F.F.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa