logo1

A Omegna manifestazione spontanea per ricordare gli annegati nel Mediterraneo

Sul lungolago ieri sera una cinquantina di persone e tanti lumini accesi

omegna manifestazione annegati

 

Tanti lumini accesi in riva al lago e tanta gente, più di cinquanta persone, sul lungolago di Omegna. Una manifestazione spontanea, nessun organizzatore, per ricordare i 170 morti annegati nel mare mediterraneo nei giorni scorsi. Un evento terribile che ha smosso la coscienza di tanta gente anche nel Cusio; persone che attraverso il moderno tam tam dei sociale prima ne ha discusso e dibattuto e poi ha deciso di ritrovarsi, malgrado il freddo pungente, domenica sera a Bagnella. <Lo abbiamo fatto – hanno detto alcuni – in maniera non voluta, non organizzata, perché volevamo che oltre ai tanti morti non annegasse la nostra coscienza nel mare dell'indifferenza. L'Italia è stata un popolo di migranti, di gente che ha sofferto ed oggi non può restare a guardare senza nemmeno commuoversi>. Un movimento semplice e sincero, senza nessun coordinamento dunque. Nessuno domenica sera sapeva cosa fare, cosa dire, tutto è stato improvvisato. Anche la signora che ad un certo punto ha tolto dalla borsa dei lumini e ha cominciato ad accenderli. Poi, lasciata Bagnella, un po' alla volta il gruppo di persone convenute si è recato accanto alla fontana della piazza del Municipio. Poche parole, ma sufficienti a ricordare che la vita è sacra e non si può morire, come è stato detto da più di uno, solo per inseguire il legittimo desiderio di poter vivere.

 

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa