logo1

Abusi edilizi a Cannobio. Denunciati i proprietari delle case

Gli illeciti sono stati scoperti dai Carabinieri Forestali in località " Formine". Denunciati 3 tedeschi

 

cannobio forestale1

 

Abuso edilizio scoperto a Cannobio dal locale Comando Stazione Carabinieri Forestali. I militari hanno denunciato l’esecuzione di opere abusive in località “Formine”, una zona a poche centinaia di metri dal confine con la Svizzera, acquistata e lottizzata da una associazione tedesca con sede in Italia. Si tratta di una no profit che si occupa di scambio scientifico-culturale italo tedesco. Durante una verifica, i Forestali hanno scoperto che venivano rifatte costruzioni diroccate, con ampliamento e soprelevazione  di alcuni immobili. Gli interventi venivano realizzati

 

direttamente dai membri dell’associazione che hanno competenze tecniche specifiche. Al momento del controllo però non sono stati in grado di mostrare le autorizzazioni per i lavori.

I militari hanno quindi effettuato un controllo più approfondito insieme al personale dell’ufficio tecnico del Comune di Cannobio. Hanno così appurato che tutte le opere erano abusive. Era stata realizzata una nuova unità residenziale in seguito all’abbattimento di un edificio in parte crollato, è stato sopraelevato e rifatto il tetto di un altro immobile ed è stato realizzato un muro di cinta. 

Mancavano il permesso di costruire da parte del Comune di Cannobio e l’autorizzazione paesaggistica da parte della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio. I proprietari degli immobili sono quindi stati denunciati per abuso edilizio ed esecuzione di lavori illeciti in area a vincolo paesaggistico ed idrogeologico , dal momento che la zona è a meno di trecento metri dalla riva del lago. Le

opere in corso sono state immediatamente sospese in seguito all’ordinanza dell’Ufficio Edilizia Privata del Comune di Cannobio. 

Maria Elisa Gualandris 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa