logo1

Qualità della vita 2018: crollo del VCO, è 48°, perde 41 posizioni rispetto allo scorso anno

Lo dice la classifica pubblicata oggi da Il Sole 24 Ore. Nel 2017 la nostra provincia era 7°

 

benesserre

 

Qualità della vita: dopo anni di scalate alla classifica de Il Sole 24 Ore, in questo 2018 il Verbano Cusio Ossola crolla rovinosamente passando dal 7° al 48° posto. E', in termini di differenza rispetto ai piazzamenti precedenti, la performance peggiore di tutte le 107 province italiane. Novara è 52° e perde 2 posizioni sul 2017, Torino è 38° e ne guadagna 2.

La classifica stilata dal quotidiano economico, giunta alla 29° edizione e pubblicata oggi, vede in testa per la prima volta Milano, seguita dalle "solite" Bolzano, Aosta e Belluno: quest'ultima lo scorso anno era in prima posizione. Fanalini di coda Taranto, Foggia e Vibo Valentia.

Uno sguardo agli indicatori per il VCO: la nostra provincia si piazza nelle prime posizioni per giustizia e sicurezza – è 8°, rientra nella top ten per basso numero di rapine e di furti di auto, così come per la contenuta durata media dei processi. Meno bene la situazione dei reati legati agli stupefacenti.

Sotto il profilo economico, VCO 23° per ricchezza e consumi , amiamo spendere per viaggi e turismo, siamo 5°, così come in beni durevoli per la famiglia anche se la situazione del Pil pro capite e dei depositi pro capite ci vede nella fascia media della classifica.

Nella voce affari e lavoro siamo solo solo 75° , occupiamo rispettivamente il 33° e 36° posto per tasso di occupazione e tasso di disoccupazione giovanile. Poche le startup innovative.

Occupiamo la metà della classifica – il 54° posto – per ambiente e servizi; ci premia Ecosistema Urbano di Legambiente per il quale siamo 11°, metà classifica per il rischio idrogeologico e per la spesa sociale degli enti locali per abitante, siamo invece, nonostante la nonnina dei record Emma Morano che aveva raggiunto i 117 anni, nella fascia medio-bassa, solo 73°, per speranza di vita alla nascita.

Scendiamo ulteriormente – 66° - nella categoria demografia e società, rappresentiamo un fanalino di coda per numero di laureati e tasso di natalità e l'indice di vecchiaia resta significativo.

Infine parte medio-bassa della classifica anche per cultura e tempo libero, il VCO è sempre 66°: poche le librerie, poca la gente che va a teatro, al cinema e che più in generale assiste a spettacoli a pagamento, così come ancora al di sotto della media è l'offerta culturale in generale. Bene la presenza delle ONLUS, siamo invece solo 66° per arrivo di turisti e permanenza media nelle strutture ricettive. Nella media l'indice di sportività.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa