logo1

Stalking, condannato Omar Piccoli

I fatti sono quelli successi a Nonio lo scorso mese di maggio. In quell'occasione colpì mortalmente anche Marino Gallarotti intervenuto a difesa della ragazza

verbania tribunale4

 

Stalking nei confronti della ex: condannato a 1 anno e 10 mesi dal giudice Rosa Maria Fornelli il ventiquattrenne Omar Piccoli, difeso dall’avvocato Gabriele Pipicelli. Una vicenda tristemente nota per i fatti del 10 maggio a Nonio, che portarono alla morte del pensionato Marino Gallarotti, di 74 anni, intervenuto in difesa della ragazza. Tutto era cominciato con un incontro che avrebbe dovuto essere chiarificatore tra Piccoli e la ex, con la quale aveva avuto una storia di pochi mesi e che si era interrotta pochi giorni prima. La giovane, che poi ha rimesso la querela, aveva raccontato in aula che in auto era scoppiata una lite, che Piccoli l’aveva minacciata di buttarla in un dirupo, e che sarebbe anche andato a sbattere più volte contro il guard rail. A un certo punto le avrebbe anche stretto un braccio intorno al collo. Giunti a Nonio, la ragazza era scesa dall’auto e aveva cercato rifugio nel negozio di alimentari, dove lui le aveva preso il telefono. La violenta lite era proseguita anche fuori dal circolo, dove lui avrebbe colpito con un calcio la ragazza, finita a terra, e poi Gallarotti, che era a sua volta caduto senza più riprendersi. “La giovane - ha detto la pm Anna Maria Rossi - ha vissuto in una condizione di paura, tanto da andare a dormire a casa di familiari e di amici e da farsi accompagnare al lavoro. Vedeva gli stati di whatsapp minacciosi che Piccoli pubblicava e lo ha notato anche nei pressi di casa sua”. Il pubblico ministero ha anche sottolineato come a Nonio nessuno avesse chiamato le forze dell’ordine, nonostante la violenta lite in corso e che i Carabinieri di Omegna furono avvisati solo la sera dall’ospedale Maggiore di Novara dove Gallarotti era giunto con l’elisoccorso, e dove purtroppo morì il 28 settembre. La pm Rossi ha chiesto la condanna a un anno e mezzo. L’avvocato Gabriele Pipicelli ha invece sostenuto che Piccoli sia stato la vittima dell’ossessione della ex nei suoi confronti, che la ragazza non avrebbe accettato la fine della relazione e che non sarebbe una teste credibile su quanto avvenuto nell’auto. Il difensore ha anche evidenziato come la morte di Gallarotti, parente di Piccoli, sia stata “una disgrazia” e che il suo assistito pagherà per quel fatto. Per la morte del settantaquattrenne, il pm Gianluca Periani ha chiesto il giudizio immediato. L’accusa è di omicidio preterintenzionale. 

 

Maria Elisa Gualandris

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa