logo1

Maggia, lunedì si riunisce il Consiglio d'Istituto

Il comitato genitori del Maggia boccia la proposta del Comune di Stresa

stresa maggia1

 

Fine settimana di riflessione per pianificare il futuro del “Maggia” in attesa del consiglio d’istituto di lunedì alle 17. La prima settimana scolastica è stata straordinariamente ricca di colpi di scena. Si è aperta lunedì con il mancato ingresso degli studenti dentro la sede dell’Europeum, ritenuto insicuro da genitori e alunni. Poi, martedì si è tenuta la riunione in prefettura con una soluzione temporanea che sembrava essere stata trovata. Cinque delle classi presenti all’Europeum sarebbero state trasferite alle elementari di Baveno, mentre il comune di Stresa avrebbe dovuto trovare ulteriori spazi per ospitare le restanti due aule. Nella giornata di giovedì, però, il sindaco borromaico Giuseppe Bottini ha riaperto la questione, sottolineando di aver trovato un accordo con i padri rosminiani per usufruire di ulteriori otto aule presso il collegio da mettere a disposizione dell’istituto “Maggia”. La soluzione prospettata dal primo cittadino, però, non è piaciuta alla scuola, soprattutto al comitato genitori, presieduto da Angelo Colombo. “L’accordo trovato in prefettura era chiaro e non capisco perché il sindaco abbia voluto con una sua iniziativa personale, senza minimamente coinvolgere la scuola e la provincia, avanzare una nuova ipotesi – sottolinea Colombo –. Dal collegio quotidianamente gli studenti dovrebbero dirigersi verso la sede principale dell’istituto in via Mainardi per i laboratori e ciò significherebbe mettere su una strada di circa due chilometri pericolosa e priva di marciapiedi ulteriori 180 ragazzi, tutti di prima e seconda superiore. L’idea di Bottini non garantirebbe minimamente la sicurezza dei ragazzi”. E poi a Colombo non sono piaciute le dichiarazioni delle scorse ore del sindaco, che aveva affermato che “dal sopralluogo dei tecnici comunali, alla presenza di quelli provinciali, sull’Europeum non emergono criticità tali da imporre la dichiarazione di non agibilità”. “Bottini sta cercando soltanto di coprire la brutta figura mediatica che hanno fatto Stresa e soprattutto l’istituto nelle ultime giornate – afferma Colombo –. Invece, di lanciare proposte solo attraverso gli organi di stampa, sarebbe meglio che si sedesse al tavolo con i suoi veri interlocutori”. Intanto anche la giunta di Baveno ha espresso la propria posizione. “Abbiamo accolto la proposta della provincia con un spirito collaborativo cercando di aiutare altri enti in difficoltà – dice il sindaco Maria Rosa Gnocchi –. Lo stabile delle elementari, reso libero grazie al completamento di un percorso di razionalizzazione, gode di tutti i requisiti per essere adibito a scuola superiore”. Sull’argomento, infine, è intervenuto anche il consigliere regionale di Forza Italia Luca Bona, presentando un question time per conoscere gli sviluppi della situazione.

 

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

Ultime news

Giovedì, 20 Settembre 2018
Disabile? Allora niente affitto
Giovedì, 20 Settembre 2018
Sabato Open Day di Arcademia a Omegna
Giovedì, 20 Settembre 2018
Molinari è tornato a Domosofia

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa