logo1

Locarno Reel 2018: "Il cinema nelle sue più ampie sfumature e fragranze mondiali"

Mirko Zullo dal Festival del cinema di Locarno racconta le ultime proiezioni

 

 
locarno reel
 
Nuova "pillola" dello scrittore e regista verbanese Mirko Zullo dal Festival del cinema di Locarno, ecco l'appuntamento di oggi con Locarno Reel 2018: 
 
 
Il cinema nelle sue più ampie sfumature e fragranze mondiali.
Ecco come potremmo definire in poche delicate parole il Festival di Locarno.
E anche nelle passate 48 ore, gli eventi sono stati molteplici e dinamici.
Nonostante qualche improvviso acquazzone, il festival non si demoralizza e proseguono le proiezioni del concorso internazionale “Pardi di domani” e le retrospettive.
In concorso, anche il film “Menocchio”, di Alberto Fasulo (2018), pellicola che racconta la vera storia del mugnaio eretico Domenico Scandella di Montereale, detto appunto Menocchio.
Un film buono. Sono entrato in sala piuttosto scettico, poiché solitamente le pellicole italiane che narrano del periodo dell'Inquisizione rischiano spesso di essere poco gradevoli. Invece, nonostante qualche limite recitativo di alcuni attori, l'opera mi è piaciuta. C'era qualche limite anche nelle scenografie, che il regista ha saggiamente ovviato stringendo le inquadrature e dove questi primi piani aiutavano nel creare intimità ed empatia tra proiezione e spettatore.
Lo sguardo con cui si sfonda la quarta parete alla fine è decisamente dovuto ed efficace.
Allo Spazio Cinema, cerimonia Open Doors.
Infine, impossibile da non citare una stimolante Masterclass tenutasi al PalaCinema con Kyle Cooper, personaggio che il Locarno Festival ha voluto omaggiare e che ha in curriculum la cura du decine e decine di famosissimi titoli di testa di film e serie TV e che ha fatto respirare ai presenti l'importanza delicata tra scelte stilistiche di font e animazioni, in relazione con musiche e prime scene. Citando alcuni suoi lavori: da “The walking dead” ad “American Horror Story” per quanto riguarda alcune serie TV, per poi passare a film quali Seven di David Fincher, Godzilla e come dimenticare il balletto di Tom Cruise, alias Les Grossman, sui main titles di Tropic Thunder per la regia di Ben Stiller? Ve lo ricordate? - Mirko Zullo
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa