logo1

Chiusura farmacia a Belgirate, interviene l'assessore Saitta. Il proprietario dei locali si dice disponibile ad una proroga

La titolare della farmacia rischia lo sfratto per fine contratto, l'edificio sarà messo in vendita

 

belgirate farmacia

 

L’appello della titolare della farmacia di Belgirate che rischia uno sfratto per fine contratto è stata raccolto dall’assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Antonio Saitta.  <Ho invitato oggi il nuovo direttore generale dell’Asl Vco, dottor Angelo Penna, a contattare il sindaco di Belgirate per verificare se è possibile trovare in tempi rapidi una soluzione che, fatte salve le esigenze della titolare della farmacia e le intenzioni del Comune in merito all’eventuale reperimento di locali da concedere in uso, consenta di mantenere un presidio fondamentale per la comunità - ha detto l’assessore-. Ci avviciniamo all’inizio della stagione estiva e quindi al considerevole aumento del flusso turistico nel paese, per i quali la farmacia è un servizio fondamentale. Confido che con reciproca buona volontà e nel rispetto della normativa vigente, sia possibile risolvere positivamente la vicenda>.

Il sindaco Walter Leto da noi interpellato replica:<Sono pienamente d’accordo con quanto l’assessore Saitta afferma e sono pronto al dialogo con il direttore generale dell’Asl. Il comune ha dei paletti importanti da rispettare. Sui locali dell’ex circolo comunale pende un vincolo tecnico giudiziario sino al prossimo 9 ottobre, data che è già stata spostata per ben due volte. Non è il momento di forzare la situazione con decisioni affrettate. Effettivamente noi dobbiamo valutare anche lo spostamento della posta, situata sullo scalone Cairoli. Capita spesso che i vigili siano costretti ad accompagnare persone non in grado di affrontare i gradini per accedere agli uffici. Proprio per questo ho dato mandato all’Ufficio tecnico comunale di fare una valutazione degli spazi per verificare se ci sono i presupposti di ospitare sia la posta che la farmacia>.

Il proprietario dell’immobile che ospita attualmente la farmacia ci ha fatto sapere che il contratto è a scadenza e che intende vendere l’immobile, ma non ha nulla in contrario nel sottoscrivere una proroga, ufficiale e temporanea, che consenta di mantenere nei suoi locali il servizio farmaceutico sino a che non si trova una soluzione idonea per evitare che il paese perda il servizio.

di Franco Filipetto

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa