logo1

Smaschera l'uomo che rigava le macchine a Stresa ma finisce a processo per truffa

Protagonista della vicenda un Carabiniere in forze alla stazione di Cannobio. E' stato assolto

tribunale verbania

 

Smaschera l’uomo che rigava le macchine, ma finisce a processo per truffa. Assolto dal giudice Rosa Maria Fornelli perché il fatto non sussiste un Carabiniere in forze alla Stazione di Cannobio, assistito dagli avvocati Marisa Zariani e Marco Ferrero. I fatti risalgono al periodo tra il 2015 e il 2016: i  militari della Stazione di Stresa avevano ricevuto più di 100 denunce da parte di residenti di una zona del paese che si trovavano costantemente le auto rigate. Era accaduto lo stesso al carabiniere finito a processo, che, libero dal servizio, era stato a Stresa e aveva parcheggiato l’auto. Dal momento che gli avevano riferito che il principale sospettato dai residenti della zona era un uomo che portava in giro il cane con un guinzaglio particolare, con una parte molto appuntita, il militare lo ha avvicinato dicendogli di avere un filmato che lo incastrava, perché era stato ripreso mentre rigava la macchina. A quel punto l’uomo aveva ammesso di essere stato lui. Nei suoi confronti era partita la denuncia alla Procura. A processo però è finito il carabiniere, con l’accusa di truffa, dal momento che aveva detto di avere un filmato che in realtà non aveva. Era stato un escamotage per far confessare l’uomo: come è stato fatto notare in aula questa mattina, tra l’altro, da quel momento non ci sono state più auto rigate, una liberazione per gli abitanti della zona che vivevano nella paura dei danneggiamenti. Il giudice ha stabilito che non ci fu nessuna truffa e il militare è stato così assolto con formula piena.  

 
 
Maria Elisa Gualandris 
Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa