logo1

Fusione Comuni Cannobina, Ieri sera assemblea a Cursolo Orasso

Tre Comuni della Valle Cannobina verso la fusione

orasso assemblea

 

Passare da una visione comunale a una di valle. Proseguono gli incontri con la cittadinanza in preparazione al  referendum per la fusione tra i comuni di Cursolo Orasso, Cavaglio Spoccia e Falmenta. Ieri sera a Orasso i tre sindaci sono stati chiari: “Occorre un cambio di mentalità, bisogna  iniziare a ragionare davvero come Valle. Alberto Bergamaschi, primo cittadino di Cursolo Orasso ha evidenziato: “Scarseggiano le risorse dei Comuni e dallo Stato arrivano sempre meno stanziamenti. Con la fusione si avrà un abbattimento dei costi fissi oltre a cospicui contributi per investire sul territorio. Ma si andrà anche ad ottimizzare la gestione del personale in un’ottica di valle e conteremo di più in seno alle istituzioni”. Ma Bergamaschi ha subito precisato: “Avere più risorse vuol dire poter partecipare a più bandi, ma occorre un cambio di paradigma mentale, perché le risorse dovranno essere utilizzate in un’ottica di valle; una valle che non ha come risorsa solo il turismo, pensiamo anche al patrimonio boschivo, edilizio e alle attività agro-silvo-pastorali". Sulla stessa linea di pensiero Giuseppe Dellamora. Il sindaco di Cavaglio Spoccia ha  ricordato:  “Qualcuno nutre dubbi sulla fusione ma continueremo a parlare con la gente: sono convinto che siamo sulla strada giusta. Siamo chiamati ad una sfida per dare un futuro alla Valle Cannobina”.  Stesso ragionamento del collega di Falmenta, Luigi Milani: “Noi abbiamo già deciso, ora tocca alla popolazione”.  La sede del nuovo Comune viene ipotizzata a Lunecco. E il nome?  “Ci piacerebbe Comune di Valle Cannobina” ha sottolineato Bergamaschi. Sì, ma la domanda sorge spontanea: non manca un paese? “La speranza– ha puntualizzato ancora Bergamaschi -  è che anche Gurro decida prima o poi di entrare a far parte del nuovo Comune”. Presente all’incontro di Orasso anche il sindaco di Cannobio e presidente dell’Unione Lago Maggiore. Giandomenico Albertella ha puntato il dito sul male per eccellenza della Cannobina: la sua rete stradale. “Non c’è sviluppo se non ci sono infrastrutture. Questa arteria e la Statale 34 sono di fondamentale importanza per il territorio: serve ora più che mai la loro messa in sicurezza definitiva”.

 

 

Marco De Ambrosis

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa