logo1

Via libera al piano di riequilibrio per la Provincia del Vco

Il consiglio provinciale del Vco si è riunito oggi pomeriggio al Tecnoparco. A favore del piano di riequilibrio la maggioranza. Le opposizioni hanno abbandonato l'aula

verbania cons prov

 

La provincia del Vco applica il piano di riequilibrio finanziario su un disavanzo di 5 milioni e 300mila euro. La maggioranza nel corso del consiglio provinciale di questo pomeriggio ha espresso parere favorevole, mentre le minoranze hanno abbandonato l'aula al momento del voto. Il nuovo piano di riequilibrio servirà a rivedere quello già in attto dal febbraio 2014, ormai in fase di conclusione agli inizi del 2018. In quel caso la manovra prevedeva un rientro per la provincia del Vco di 2 milioni e 100mila euro. Negli ultimi 4 anni, però, la situazione è drasticamente peggiorata tanto che a livello nazionale le province si sono ritrovate svuotate operativamente. Così, il governo ha deciso di estendere i piani di riequilibrio su un arco di tempo complessivo di 10 anni. La nuova scadenza, perciò, è il 2023. Sono coinvolte in questa manovra ben 14 province italiane. "Sappiamo che non è la situazione ottimale – ha sottolineato il presidente Stefano Costa – ma è l'unico modo per risanare la condizione dell'ente. Nei nostri calcoli di riequilibrio non sono stati calcolati i 12 milioni di canoni idrici per i quali è aperto un contenzioso con la regione. Nel caso in cui la regione dovesse uscire vincitrice dalla causa legale, dovremmo rivedere il nostro piano di rientro spalmato fino al 2023". Come detto, le minoranze non hanno preso parte al voto. ""Il disavanzo è veramente cospicuo – ha detto Giandomenico Albertella di "Lago e Monti" –, ma quel che maggiormente colpisce è l'incapacità dell'ente di investire per le scuole e per le strade. Il piano non prevede nessun tipo di manutenzione straordinaria da qui al 2023". "Il piano di rientro mi pare troppo incerto e sta in piedi con lo shock" ha aggiunto Luigi Spadone de "La Provincia per il territorio". L'assemblea dei sindaci, che avrebbe dovuto dare un parere sullo schema di bilancio per l'anno 2017, non si è tenuta. Il numero legale con appena 17 amministratori presenti non è stato raggiunto. Nuovo appuntamento per giovedì 21 dicembre alle 15, quando basterà un terzo dei presenti per garantire il numero legale. 

 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa