logo1

Turismo: +5,5% a settembre e stagione allungata fino a ottobre

Lo dicono i dati di Federalberghi nazionale e locale. Maggioranza di stranieri ma cresce anche la presenza dei nostri connazionali

turisti

Turismo: dopo un'estate decisamente positiva, vento in poppa anche a settembre e ottobre. E quell'obiettivo di prolungamento della stagione del quale da anni si parla sembra sempre più vicino. Lo dicono i dati di Federalberghi nazionale, lo confermano quelli della sezione locale dell'associazione. <Stimiamo per settembre un +5,5% di vacanzieri rispetto al 2016> spiega il presidente di Federalberghi VCO Gian Maria Vincenzi, <e gli arrivi proseguiranno anche per quasi tutto ottobre, certo la parte del leone, con le prenotazioni on line, la fa sempre il tempo> prosegue. Negli ultimi tempi stiamo assistendo ad un buon recupero del mercato nazionale, l'Italia e le nostre zone sono considerate una meta sicura, <Ma ci stiamo impegnando anche noi per un'offerta sempre migliore> aggiunge Vincenzi.

I turisti in arrivo sono sempre nella maggior parte stranieri, i territori di riferimento sono quelli tradizionali: Germania, Svizzera, Inghilterra, cresce l'interesse da parte dei francesi. E poi dicevamo anche i nostri connazionali tornano ad apprezzare le mete italiane, le nostre montagne e i nostri laghi.

I dati di federalberghi nazionale dicono che a settembre, arriveranno negli esercizi ricettivi italiani più di 12 milioni di turisti, tra cui 5,1 milioni di italiani (il 42,6%) e 7 milioni di stranieri (il 57,4%). Il flusso è in costante crescita: negli ultimi sei anni gli arrivi sono aumentati di oltre il 21% (+30,5% per gli stranieri e +10,6% per gli italiani). La Germania è di gran lunga il principale mercato dell'Italia, con 1,6 milioni di arrivi a settembre, seguita da Stati Uniti (625 mila arrivi), Francia (460 mila), Regno Unito (450 mila), Svizzera (360 mila).

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa