logo1

Regalare una baita a chi si impegna a ristrutturarla: il futuro di Viganella e Seppiana

Convegno oggi a Borgomezzavalle. Portato l'esempio di Gangi, borgo-gioiello della Sicilia

borgomezzavalle recupero baite

Una casa ad un euro: regalare una baita a chi si impegna a ristrutturarla. Come fare, quali i problemi da superare. Se n'è parlato oggi a Borgomezzavalle, presso Alberobello Lodge, nell'ambito del progetto 'Ali di pietra'. Obiettivo: dare un futuro ai borghi storici di Seppiana e Viganella, magari con la creazione di un albergo diffuso. Portato l'esempio di Gangi, era presente il vice sindaco Giuseppe Ferrarello, comune - gioiello della Sicilia e oggi tra i borghi più belli d'Italia. A convegno anche i tecnici (architetti, notai) e amministratori.

Si sta cercando di capire, tecnicamente, come approntare la delibera; dal sindaco di Borgomezzavalle Alberto Preioni l'invito a tutti i proprietari di baite in disuso e diroccate a metterle a disposizione del comune per dare loro nuova vita, anche perché sui proprietari ricade la responsabilità della messa in sicurezza dei fabbricati.

La presidente della pro loco della Valle Antrona Natalina Montagna ha ribadito il progetto dell'albergo diffuso su Seppiana e Viganella. Emilio Luraghi ha portato il suo esempio di edifici recuperati a Viganella con finalità turistiche diventati quindi anche fonte di reddito, ai quali ha affiancato anche la coltivazione della vite. La presidente dell'Ordine degli Architetti No-Vco Nicoletta Ferrario ha evidenziato le difficoltà di questo progetto, legate per lo più al reperimento delle possibilità normative per realizzarlo, ai vincoli presenti, da qui la necessità di una collaborazione tra enti.

Nascerà un'associazione, annunciata dall'architetto Vittoria Albertini, chiamata proprio 'Ali di Pietra', con l'obiettivo di trovare soluzioni in modo semplice alla riqualificazione urbana, economica e sociale delle nostre aree.

Dopo il convegno Alberobello ha preparato agli ospiti -ed in particolare per gli amici siciliani – un menu' con prodotti tipici a chilometro zero.

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa