logo1

I conti della Provincia restano in dissesto

Oggi il Consiglio provinciale ha approvato il rendiconto 2016 e il 2017 si presenta come un altro anno particolarmente complicato

tecnoparcoesterno

 

I conti della provincia rimangono dissestati. Il 2016 si è chiuso con un disavanzo di 7,3 milioni di euro. Il 2017 si presenta come un altro anno particolarmente complicato. È stato approvato questo pomeriggio dal consiglio provinciale il rendiconto del 2016. Il bilancio dello scorso anno è stato chiuso soltanto grazie ad un intervento straordinario del governo, che aveva almeno temporaneamente stabilizzato la situazione. Le entrare nel corso degli anni sono diminuite irrimediabilmente. Avevano toccato, alcuni anni fa, i 110 milioni, mentre oggi si assestano sui 28 milioni per competenze pure. I fondi per gli investimenti, essendo l’ente in disavanzo, sono ridottissimi. Nel 2016 sono sopraggiunti solamente da altri enti, come testimoniano gli interventi sul convitto di Crodo o sulla palestra del liceo “Piero Gobetti” di Omegna, dove fondamentale è risultato l’aiuto finanziario della Fondazione Cariplo. Continuano, inoltre, i tagli sul personale. Nel corso degli anni si è passati da 7,5 a 3,7 milioni di spesa per risorse umane e materiali della provincia. “Ci sono stati degli interventi salvifici a fine 2016 – ha commentato il presidente provinciale Stefano Costa – ma purtroppo non si sono prolungati nel nuovo anno, anzi. È notizia, infatti, degli scorsi mesi la decisione del governo di trattenere l’imposta provinciale di trascrizione, una delle poche entrate garantite all’ente. Sono stati tolti, quini, ulteriori 4,8 milioni di euro”. Il rendiconto 2016 è stato approvato con 6 voti favorevoli, quelli della maggioranza. Si è astenuto Giandomenico Albertella della lista “Lago e Monti”. Hanno votato contro Luigi Spadone, Mario Geraci e Fabio Basta, consiglieri della lista “La provincia per il territorio”. Assente alla seduta Rino Porini. A margine del consiglio provinciale, si è parlato anche della consegna dei lavori per la riasfaltatura delle strade provinciali. Lunedì si dovrebbe partite con la strada di Pallanzeno-Vogogna, chiusa al traffico dalla fine di marzo. 

Pin It

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa