logo1

Zattera Omegna diventa parte integrante progetto di make up dell'ex Canottieri

 

 omegna zattera

Zattera Omegna, verrà inclusa nel progetto di riqualificazione dell'x Canottieri

 

La notizia è che non solo non verrà affondata, come magari avrebbe voluto qualcuno, ma che la tanto discussa zattera di Omegna, smontata e rimodellata, sarà parte integrante del progetto di riqualificazione della ex Canottieri. La Soprintendenza ha detto a chiare lettere che due strutture galleggianti in poco spazio nel golfo di Omegna non sarebbero andate bene. E così Omegna Social Network ha rinunciato al suo progetto originario di riqualificazione della zattera, per il quale era stato voluto un concorso di idee vinto dall’architetto Ilaria Tederschi. Per altro sarà lo stesso architetto ossolano a contestualizzare l’inserimento della zattera nel progetto della ex Canottieri, per il quale l’iter procede: l’ultimo scoglio infatti dovrebbe essere stato superato, perché ai Carabinieri è stato garantito uno spazio per il ricovero e l’attracco del loro natante. L’area individuata è quella della piattaforma di cemento a metà della passeggiata davanti all’ospedale: alla sua sistemazione ed alla sua copertura provvederanno tutti i comuni del lago, visto che i Carabinieri garantiscono un servizio collettivo. Dopo di che, se non ci saranno ulteriori intoppi, il comune potrà pubblicare il bando, verso la fine della prossima estate, con conseguente inizio lavori previsto per l’autunno. Come detto il progetto originario è stato rivisto con l’utilizzo delle quattro lastre rettangolari della zattera, che saranno posizionate per realizzare la piazza galleggiante illuminata  e con le panchine: non sarà più circolare ma di forma irregolare. Confermatissimi bar, ristorante, spiaggia, spazio per noleggio barche e biciclette. “ Omegna Social Network- spiega invece Mario Cavigioli-  ha proposto  di utilizzare il budget previsto da parte sua per la Zattera s u altri progetti per il fronte lago che rispettassero gli obiettivi comunitari previsti per Il Borgo della Comunità  e dunque su elementi identitari cittadini attorno i quali consolidare la comunità omegnese. In un recente incontro dei partners del Borgo della Comunità, è stato proposta o la realizzazione del progetto di ristrutturazione della facciata cieca a lago di Casa Rodari come da progetto vincente il Concorso indetto dalla Fondazione Museo Arti e Industria Omegna ) denominato “Il Bananito”, progetto immediatamente realizzabile con tutte le concessioni del caso approvate, ma senza fondi per attuarlo. O, in alternativa, l’acquisto di un’altra piattaforma senza passerella da utilizzarsi solo per le installazioni a lago molto apprezzate dai cittadini (dalle stella all’albero di Natale, dai fiori di Rodari alla cupola in salice) per poi essere ricoverata in altro luogo negli altri periodi e dunque assolutamente temporanea.

 

Omegna Social Network è in attesa di riscontri ufficiali a questa proposta da Fondazione Museo Arti e Industria Omegna e Amministrazione Comunale e poi successivamente da Fondazione Cariplo-conclude Cavigioli.   

 

Daniele Piovera

Pin It

GUARDA LA TV LIVE

 

Questo sito consente l'invio di cookie di terze parti.
Se acconsenti all'uso dei cookie fai click su OK, se vuoi saperne di piú o negare il consenso fai click su leggi informativa